Tu sei qui

Lorenzo Guidolin Laser St. e Carolina Bagni Bug St. primi a Domaso!

Si è svolto domenica 5 maggio il tradizionale appuntamento velico con la regata zonale Trofeo “Hotel 5 case” riservato alle classi Laser Standard, Laser Radial, Laser 4.7 ed i piccoli Laser Bug, messo in palio da Bruno Vanoli, grande appassionato di vela.
Piu’ di cento iscritti per una regata caratterizzata da discrete condizioni climatiche con sole intermittente e vento irregolare. Nella classe Radial, con al via 31 imbarcazioni, Antonio Tamburin del Circolo Vela Bellano ha centrato il successo ed intascato il Trofeo Hotel 5 Case, battendo Samuel Naldi della Compagnia della Vela e Riccardo Benvenuto portacolori del Circolo Vela Canottieri Domaso. Solo 22mo il nostro Federico Marelli.
Primo nella classe Standard (27 imbarcazioni al via), come l’anno precedente, il nostro portacolori Lorenzo Guidolin. Con lui sul podio Alessandro Rodiani della Canottieri Lecco e Matteo Vanetti della Lega Navale Italiana di Varese. A seguire i nostri master marco De Felice 13mo e Stefano De Paola 17mo.
Francesco Piro della Lega Navale di Milano ha avuto la meglio nella classe Laser 4.7 (22 imbarcazioni al via) su Sebastiano Galeppi della Lega Navale di Milano e Elisabeth Kuester del Circolo Vela Bellano. Migliore Ragavelica è Anna Bassani 11ma seguita da Camilla Bagni 15ma, Federico Pigni 18mo e Eugenia Brunazzo 20ma.
Ben 21 i Laser Bug in competizione, suddivisi in 7 imbarcazioni categoria “standard” (vela 3.8 mq) e 16 categoria “race” (vela 5.3 mq).
Si aggiudica il primo posto categoria “standard” Carolina Bagni, campionessa italiana in carica dell’U.V. Maccagno, seguita da Augusto Mondelli dello Yacht Club Como e Filippo Panzeri dell’U.V. Maccagno.
Nella categoria “race” si piazza al primo posto Lucia Nicolini del Circolo Vela Canottieri Intra, seguita da Domitilla Masetti del Circolo Vela Ispra e Nicola Esposito dello Yacht Club Como. Ottimo quarto posto per Roberto Pocaterra e bene anche Giulia Panzeri giunta ottava.

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer